Di cosa doveva occuparsi Instagram: Cose che non sapevi

  • Blog
  • Instagram
  • Di cosa doveva occuparsi Instagram: Cose che non sapevi

In questo articolo scoprirai la storia e di cosa doveva occuparsi Instagram il popolare social network che oggi conta oltre 1 miliardo di utenti

Di cosa doveva occuparsi Instagram? Instagram è un’applicazione gratuita che si occupa della condivisione di foto online. Una piattaforma di social network acquisita da Facebook nel 2012 per un miliardo di dollari.

Instagram consente agli utenti di modificare e caricare foto e brevi video tramite un’app per smartphone. Gli utenti possono aggiungere una didascalia a ciascuno dei loro post e utilizzare hashtag e tag per la localizzazione geografica per rendere i loro post visibili e ricercabili da altri utenti all’interno dell’app. Ogni post di un utente appare sul feed Instagram dei suoi follower e può anche essere visualizzato dal pubblico quando taggato utilizzando gli hashtag.

Gli utenti su Instagram hanno anche la possibilità di rendere privato il loro profilo in modo tale che solo i loro follower possano visualizzare i loro post o le loro storie. Come con altre piattaforme di social network, gli utenti di Instagram possono mettere mi piace, commentare e salvare i post di altri, nonché inviare messaggi privati ​​ai propri amici e followers tramite la funzione Instagram Direct.

Le foto possono essere condivise su uno o più altri siti di social media molto facilmente. Instagram non è solo uno strumento per persone, ma è utilizzato molto anche per le aziende. L’app per la condivisione di foto fornisce alle aziende l’opportunità di avviare un account aziendale gratuito per promuovere il proprio marchio, i loro prodotti o servizi.

Le aziende con account aziendali hanno accesso a metriche gratuite sul coinvolgimento dei loro post e storie e sulle impressioni. Secondo Instagram, più di 1 milione di inserzionisti in tutto il mondo utilizzano il social network per condividere le loro storie e ottenere risultati di business inoltre, il 60% degli utenti afferma di scoprire nuovi prodotti grazie all’applicazione.

La storia di Instagram: di cosa doveva occuparsi

la storia di instagram icona vecchia icona instagram

È stato avviato a San Francisco da Kevin Systrom e Mike Krieger e inizialmente Instagram doveva occuparsi di scoprire e condividere informazioni sulle attività e business della tua zona, simile alla piattaforma già esistente Foursquare, ma poi si sono concentrati esclusivamente alla condivisione di foto.

La parola Instagram è un incrocio di “fotocamera istantanea” e “telegramma”. L’app per iPhone è stata rilasciata tramite iTunes App Store il 6 ottobre 2010 e l’app per Android è stata rilasciata il 3 aprile 2012. La popolarità della piattaforma è decollata, con la società che ha segnalato oltre 40 milioni di utenti attivi solo due anni dopo il lancio.

Questo ha attirato l’attenzione di Facebook, che ha acquistato ufficialmente Instagram per un miliardo di dollari nell’estate del 2012. Con Instagram gli utenti hanno la possibilità di aggiungere un filtro digitale alle loro foto o video. Inizialmente, solo le foto potevano essere pubblicate su Instagram, ma la società si è espansa a video di 15 secondi nel 2013.

Nel 2016, Instagram ha aumentato la durata massima del video a 60 secondi. Fino al 2015, tutte le foto pubblicate su Instagram erano limitate a proporzioni quadrate. L’azienda ha cambiato questa impostazione per consentire agli utenti di caricare foto e video a grandezza naturale.

L’azienda è stata fonte di alcune polemiche. Nel 2012, Instagram ha aggiunto questa frase alla sua politica sui Termini di servizio:

“Per aiutarci a fornire contenuti o promozioni interessanti a pagamento o sponsorizzati, accetti che un’azienda o un’altra entità possa pagarci per visualizzare il tuo nome utente, somiglianza, foto (insieme a eventuali metadati associati) e / o azioni che intraprendi, in relazione al pagamento o contenuti o promozioni sponsorizzati, senza alcun compenso per te.”

A seguito del pesante contraccolpo degli utenti che temevano che Instagram avrebbe venduto le loro foto e identificatori, il CEO Systrom ha assicurato agli utenti che non era l’intenzione dell’azienda. La dicitura è stata rapidamente rimossa dalla politica.

Una controversia del 2013 era incentrata sulle critiche secondo cui Instagram censurava le foto che non infrangevano i termini e le condizioni dell’azienda e che queste censure prendevano di mira ingiustamente i corpi delle donne. Anche la decisione di Instagram nel 2016 di passare dalla visualizzazione delle foto della timeline in ordine cronologico all’utilizzo di un algoritmo per determinare l’ordine delle foto ha suscitato un feedback negativo.

Ad oggi Instagram conta oltre 1 miliardo di utenti all’attivo ed è al terzo posto dei social network più usati al mondo dopo Youtube e Facebook.

Iscriviti alla Newsletter per non perderti nessun aggiornamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Consigli Popolari

Come Fare le Transition su TikTok 2022

Come Diventare Influencer – La Guida Completa 2022

Chi ha visto il mio profilo Instagram: Come fare 2022


© Miraimedia. Tutti i diritti riservati.
Powered by Miraize.

Torna Su